I pepatelli teramani sono dei dolci tipici della cucina abruzzese, chiamati anche mbepetielle o papatìlle, tradizionalmente preparati in ogni famiglia durante il periodo di Natale e fino all'arrivo della Befana. C'è da dire che anche il Molise vanta una tradizione di preparazione di questi biscotti, ma mi viene da dire ''ovviamente'', visto che per molti anni queste due regioni sono state accorpate e considerate come una unica regione. L'impasto dei pepatelli prevede miele, frutta secca e farina integrale, e poi una abbondante manciata di pepe nero, dal quale deriva appunto il nome di questi pasticcini secchi. Mi raccomando non confondete i pepatelli con i cantucci, che seppur aventi negli ingredienti mandorle e miele, sono evidentemente tutta un'altra cosa.

 

 

 

Ricetta 1

PEPATELLI
di Annalisa Barbagli

PEPATELLI 2

 

INGREDIENTI

150 g di farina 00
150 g di farina integrale
300 g di miele
300 g di mandorle non pelate
la scorza di un’arancia non trattata
sale
pepe


PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Scaldo un po’ il miele per renderlo fluido. Setaccio la farina bianca sulla spianatoia e la miscelo con quella integrale e con le mandorle, poi faccio la fontana, ci verso il miele e di seguito ci metto un pizzico di sale, la scorza di arancia grattugiata e un’abbondante macinata di pepe.

Impasto a lungo fino a che gli ingredienti sono ben distribuiti, poi divido il composto in tre pezzi e modello altrettanti filoncini piatti larghi 5 cm e alti 2. Li trasferisco sulla placca rivestita di cartaforno e li passo nel forno a 180° per 30 minuti.

A cottura ultimata, sforno i filoncini e, ancora caldi, li taglio a fette oblique di circa un cm. Allineo i pepatelli sulla placca e li passo per 5 minuti nel forno caldo ma spento. Li faccio ben raffreddare su una griglia prima di chiuderli in una scatola di latta dove si conservano a lungo.

Come dice il nome di questi biscottini, il pepe si deve abbastanza sentire ed è gradevole l’abbinamento di questa spezia con la scorza di arancia ma, per chi non lo gradisce, i pepatelli sono altrettanto buoni anche nella versione con la cannella (un cucchiaino da tè).

IL VINO GIUSTO DA ABBINARE

Dolci - Secchi
Con i dolci a base di pasta frolla un vino pressoché sempre all’altezza della situazione è il Moscato d’Asti: pochissimo alcol, buona freschezza di frutto, cremosità dell’anidride carbonica a donare slancio. Con i biscotti non farciti si sposa bene il Vin Santo o il Marsala (non troppo secco). Con le crostate di frutta, specie se di ciliegia, mora o in genere di frutti di bosco, funziona bene un Brachetto d’Acqui servito a bassa temperatura.
VINI: Brachetto d’Acqui, Moscato d’Asti, Vin Santo
(L'indicazione dei vini in abbinamento è per forza di cose generica e privilegia tipologie di facile reperibilità in tutta Italia. Ciò non toglie che per molte ricette tipiche la scelta di vini della stessa regione sia non solo possibile ma addirittura molto raccomandabile.)

Ricetta 2

PEPATELLI ABRUZZESI

pepatelli teramani

 

Author: Federica
Recipe type: Dolci tipici
INGREDIENTI
500 gr di mandorle
500 gr di miele millefiori
500 gr di farina di tritello (è la farina che contiene la parte fine della crusca) o, in alternativa, farina integrale
2-3 arance non trattate
pepe nero
PROCEDIMENTO
Lavare le arance, asciugarle bene e grattugiare la scorza (solo la parte arancione) abbastanza finemente.
In una casseruola far sciogliere il miele a fuoco bassissimo.
Sulla spianatoia mescolare la farina con le mandorle, la scorza delle arance ed una generosa macinata di pepe.
Aggiungere pian piano il miele caldo e cominciare ad impastare; il tutto alla fine risulterà piuttosto consistente.
Per la quantità di pepe, dipende molto dai gusti ma si dovrebbe sentire leggermente il pizzico...da cui il nome pepatelli.
Con la pasta formare dei filoni rettangolari ed ppoggiarli sulla placca del forno.
Cuocere 170°C fino a che la superficie risulterà dorata.
Dai filoni ancora caldi ritagliare i pepatelli dello spessore di 3 mm circa
Disporre i pepatelli nuovamente sulla leccarda e ripassarli in forno ancora per qualche minuto in modo da renderli croccanti.
Per quet'operazione non è necessario che il forno sia acceso, va benissimo anche il forno appena spento ancora bello caldo, e ovviamente tanto più vi si terrano dentro, tanto più i pepatelli risulteranno croccanti.
Una volta freddi riporre i "papatìlle" in una scatola di latta. Ben chiusi, si conservano a lungo...se durano!
NOTE
Per tagliare i pepatelli usare un coltello affilatissimo ed aiutarsi con un canovaccio, altrimenti si rischia l'ustione!

Ricetta 3

Pepatelli

pepatelli

 

Ingredienti

250 g farina integrale
250 g miele
75 g mandorle (senza buccia)
buccia di arancia
1 cucchiaino di pepe macinato

In un pentolino sciogliere il miele, appena sobbolle aggiungere le mandorle e mezza buccia di arancia grattugiata. Versare a filo sulla farina, e lavorare su una spianatoia. Unire il pepe macinato e mescolare di continuo fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Formare un rettangolo dallo spessore di 3 cm e porlo sulla placca rivestita da carta da forno. Mettere in forno per una diecina di minuti a 180°.

Quando inizierà a colorirsi, toglierlo dal forno e farlo raffreddare. Dopodiché tagliarlo a fettine non troppo grandi, massimo un centimetro, e disporle sulla placca da forno. Rimettere in forno a 180° fino a doratura.

 

 Ricetta 4

 

 Ricetta 5

 

 

Biscotti al grano saraceno "pepatelli" - I pepatelli è un dolce tipico teramano - La ricetta originale prevede il pepe (da qui il nome appunto di "pepatelli" o meglio in dialetto "pappatill"), la scorza d'arancia e la farina di tritello (che contiene la parte fine della crusca) le mandorle, il miele e la scorza di limone. Alla ricetta originale preferisco la versione che propongo nel video con farina di grano saraceno al 100%, miele, mandorle e limone.


Imagen3aiyellow

 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo