di Alessio Di Florio (sito)

“Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia … Ami ordine e disciplina, adori la tua Polizia tranne quando deve indagare su di un bilancio fallimentare. Sai rubare con discrezione meschinità e moderazione alterando bilanci e conti fatture e bolle di commissione. Sai mentire con cortesia con cinismo e vigliaccheria hai fatto dell’ipocrisia la tua formula di poesia … Sempre pronta a pestar le mani a chi arranca dentro a una fossa sempre pronta a leccar le ossa al più ricco ed ai suoi cani …” (Claudio Lolli) 

Leggi tutto...

I tratturi e la transumanza in Abruzzo rappresentano la sintesi di una storia antica e moderna. E’ recente la notizia della firma di un protocollo d’intesa tra la regione Abruzzo, Molise e Puglia per la valorizzazione dei Tratturi, sentieri attraverso i quali per millenni si praticava la transumanza e che ancora oggi, anche se in misura minore, si pratica. Strade naturali che venivano attraversate a piedi da uomini per condurre i propri greggi a svernare, dall’Abruzzo al Tavoliere delle Puglie. Evento chiamato la Transumanza appunto.

Leggi tutto...

Nella sua trattazione su “L’architettura religiosa aquilana” del 1988, Mons. Orlando Antonini, Nunzio apostolico, affermava che “il numero di chiese cospicuo a L’Aquila” non si spiega solo come semplice prevalenza dell’espressione religiosa sulla laicità, bensì da un lato con l’origine della città, nata dalla integrazione degli antichi territori amiternini e forconesi, dall’altro con la “vitalità della locale comunità cattolica”. Il riordino della penisola per effetto delle discese imperiali, vede, nel 962, coerentemente con gli assi geografici, la donazione dell’imperatore Ottone I a papa Giovanni XII delle terre che vanno da Amiternum a Beffi e dal Gran Sasso a Rocca Di Mezzo.

Leggi tutto...

Gabriele D’Annunzio (Pescara 1863 – Gardone Riviera 1938) scrisse nel 1903, una celebre poesia conosciuta con il titolo “I pastori”. Il titolo autentico della lirica è “Rimembranze”, ed effettivamente ci fa tornare alla mente un Abruzzo ancestrale. Trasuda da questi versi, appresi da bambini sui banchi di scuola, l’atmosfera di quel mondo che i racconti dei nostri nonni ci ha tramandato, quando, nel mese appena entrato, i loro padri partivano con le greggi verso la Puglia, camminando per giorni lungo “il tratturo antico”. Odori, sapori, voci e rumori settembrini sembrano sprigionarsi da ogni parola. Una malinconia infinitamente dolce sgorga dalla penna del poeta, che quasi accarezza da lontano la sua terra madre.

Leggi tutto...

La Corsa degli Zingari: un singolare capitolo della nostra cultura popolare

Pacentro è un pittoresco paese della provincia de L’Aquila, arroccato alle pendici settentrionali della Maiella. La prima domenica di settembre a Pacentro si svolge da secoli la “Corsa degli Zingari e degli Zingarelli” In occasione della festa della Madonna di Loreto si svolge la corsa. Trenta giovani pacentrani affrontano scalzi i dirupi e le pietraie del sentiero che parte dal colle Ardinghi in prossimità della Pietra Spaccata e dopo 862 metri di saliscendi arriva alla Chiesa della Madonna di Loreto.

Leggi tutto...

Nel mese di agosto si rinnova l’appuntamento con la manifestazione le “Sagnë a lù cuttéùr” con l’obiettivo di far conoscere e degustare il piatto tipico del posto a chi si trova nell’Alto Vastese per le vacanze estive. Infatti, questo piatto, di solito, viene consumato nella ricorrenza del carnevale, quando tutti i castiglionesi si riuniscono con parenti e amici per gustarle come tradizione vuole, si mangia tutti insieme, nello stesso caldaio, rigorosamente con le mani.

Leggi tutto...

Ricerca in Iloveabruzzo

Imagen3aiyellow

 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo