Fra le regioni d'Italia l'Abruzzo è probabilmente quella che mantiene viva un'arte culinaria che più assomiglia al suo passato indipendente dalle dominazioni e che, anche nei suoi prodotti più caratteristici meglio custodisce le tradizioni, i riti, i misteri e le magie della sua cultura. La ragione è, se così si può dire, orografica: deriva dall'asperità delle catene montuose che da sempre separano la terra del grande poeta latino Ovidio, ancora tanto presente nella cultura abruzzese, dal mondo circostante.

 

Leggi tutto...

Cupello

Completamente immerso nel verde, in posizione dominante secondo lo schema di arroccamento tipico dell’età medievale, Cupello sorge su un colle tra le valli del Trigno e del Sinello, in un area coltivata prevalentemente a seminativo, uliveti e carciofi. A questi ultimi, coltivati in  diverse varietà, Cupello dedica a maggio “Carciofesta”una seguita ed apprezzata sagra.

Leggi tutto...

Fra miti, realtà, misteri e magie, il volto umano del Gran Sasso e della Maiella. Di Camillo Berardi

Il vasto repertorio delle immagini allegate, suggestivo e al di fuori dei “cliché” convenzionali, documenta e sintetizza in maniera impressionante la leggenda della gigantesca Maia, superbamente incarnata dalla fisicità delle maggiori montagne abruzzesi.

 

Leggi tutto...

Il detto contadino sottolineava l'aspetto benefico della pioggia di primavera, che avrebbe fatto bene al raccolto e in particolare alla vigna, prima della calura estiva

Dalla tradizione popolare, legata soprattutto ai cicli della vita contadina, arrivano gli insegnamenti più preziosi anche per l'era moderna. Ecco perché, in un mese tradizionalmente piovoso come aprile, è bene non crucciarsi troppo della pioggia che cade, né invocare un caldo precoce.

Leggi tutto...

Imagen3aiyellow

Artìcoli recenti più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next
 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo