Fara Filiorum Petri

  • Dalle farchie alla Fara cipollara

    dalle farchie alla Fara cipollara

    Con il termine latino facula s’intende la fiaccola che illumina la notte. Con il termine dialettale farchia – che da facula deriva – si definisce, stando al Vocabolario dell’uso abruzzese (1880) di Gennaro Finamore, il «fascicolo di canne da ardere come torcia a vento per far lume o per appiccar fuoco» (un’etimologia, questa, molto più convincente rispetto all’altra sostenuta, in tempi più recenti da Ernesto Giammarco).

  • Il 2018 delle sagre prende il via a Castelcovati, Creazzo e Fara Filiorum Petri

    Due feste legate San Antonio Abate e una delizia, recentemente riscoperta, legata a doppio filo al territorio che da sempre la produce: il nuovo anno delle sagre prende il via a Castelcovati, Creazzo e Fara Filiorum Petri.

  • UCCELLETTI DI SANT'ANTONIO

    Adoro le feste, soprattutto quelle tradizionali. Mi attraggono soprattutto perchè creano calde occasioni di convivialità. In effetti, più di tutto, amo capirne l'origine, scoprirne il significato, esplorare le espressioni dei riti del cristianesimo che si sono stratificate su quelle del paganesimo. Adoro guardare immagini del passato di queste feste, soprattutto quelle della mia tradizione abruzzese, un passato in cui tutto era più intimo e sentito.

 
 

Seguici su Twitter

Mi Piace Ilove abruzzo